Loader
D.Lgs 141/2018 – Buoni Corrispettivo (Voucher) - Procedura operativa prestazioni sanitarie esenti Iva - Studio Zito
17720
post-template-default,single,single-post,postid-17720,single-format-standard,bridge-core-2.0.2,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode_popup_menu_push_text_right,qode-theme-ver-19.0.2,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
 

D.Lgs 141/2018 – Buoni Corrispettivo (Voucher) – Procedura operativa prestazioni sanitarie esenti Iva

D.Lgs 141/2018 – Buoni Corrispettivo (Voucher) – Procedura operativa prestazioni sanitarie esenti Iva

 

Ai Gentili Clienti

Il D.Lgs 141/2014 ha introdotto gli artt. 6bis, 6ter e 6quater al dpr 633/72 (Testo Unico Iva) per regolarizzare l’emissione, l’eventuale trasferimento ante utilizzo, le prestazioni effettuate da soggetti intermediari non emittenti e l’utilizzo finale del buono corrispettivo.

L’emittente in caso di buono corrispettivo c.d. monouso (art.6ter) ovvero di cessione di beni e/o prestazioni di servizi per i quali è noto sin dall’origine il trattamento Iva da applicare (es. aliquota Iva) dovrà all’atto dell’emissione del buono (voucher, carta, ecc…) :

1. Emettere fattura elettronica relativa alla cessione del buono con l’esatta indicazione:

– Soggetto utilizzatore con dati anagrafici completi (nome/cognome o denominazione, indirizzo, partita iva e/o codice fiscale)
– Tipologia delle cessioni di beni e/o prestazioni di servizi fruibili dal soggetto utilizzatore o Importo del buono corrispettivo (voucher,carta,ecc…)
– Importo dell’IVA con relativa aliquota o norma di esenzione se previsto
– Totale del corrispettivo pagato

2. Inviare al SdI la fattura elettronica relativa alla cessione del buono e, se il soggetto utilizzatore è un soggetto privato, consegnare una copia di cortesia della fattura da conservare a cura dello stesso e presentare unitamente al voucher e/o alla carta (se non dematerializzate) ad ogni utilizzo del buono

3. Emettere ad ogni utilizzo del buono una successiva fattura elettronica indicante, oltre i dati anagrafici completi del soggetto utilizzatore:

– l’oggetto della cessione e/o della prestazione con l’indicazione del soggetto che effettivamente presta l’attività sanitaria,

– l’importo del corrispettivo dovuto,
– Importo dell’IVA con relativa aliquota o norma di esenzione se previsto
– a defalco del corrispettivo dovuto l’importo utilizzato del buono che può coprire parzialmente o totalmente il corrispettivo dovuto

4. Inviare al SdI la fattura elettronica relativa all’utilizzo del buono anche se a zero e, se il soggetto utilizzatore è un soggetto privato, consegnare una copia di cortesia della fattura da conservare a cura dello stesso e presentare unitamente al voucher e/o alla carta (se non dematerializzate) ad ogni successivo utilizzo del buono residuo.

Lo studio rimane a disposizione per qualsivoglia necessità di approfondimento.

 

Cordiali saluti

Studio Zito